Albert Mehrabian

Albert Mehrabian (1939) è uno psicologo statunitense di origine armena, attualmente docente presso la UCLA, è famoso per le sue pubblicazioni sull’importanza degli elementi non verbali nella comunicazione faccia a faccia.

Secondo uno suo studio del 1967 il linguaggio del corpo (non verbale) influirebbe nei confronti dell’interlocutore per il 55%, la voce (paraverbale) per il 38%, mentre il contenuto (verbale) solamente per il 7%.

 

Tim Berners-Lee

Professor Sir Timothy John Berners-Lee, OM, KBE, FRS, FREng, FRSA, DFBCS, anche noto come TimBL, è uno scienziato informatico Inglese rinomato per aver inventato il World Wide Web e per presiedere il W3C.

 

Luca Rosati

Architetto dell’informazione ed autore di diversi libri tra cui Organizzare la conoscenza. Dalle biblioteche all’architettura dell’informazione per il Web. Luca Rosati semplifica la vita delle persone nella loro interazione con l’informazione, negli ambienti digitali, in quelli fisici, e nelle esperienze cross-mediali.

Gli studi presentati nei suoi testi hanno contribuito allo sviluppo del plugin WordLift utilizzato su questo sito.

 

Lewis Carroll

È celebre soprattutto per i due romanzi Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, opere che sono state apprezzate da una straordinaria varietà di lettori, dai bambini a grandi scienziati e pensatori. Fra gli autori che hanno apertamente dichiarato di considerare Alice una fonte di ispirazione per le loro opere si possono ricordare James Joyce, Jorge Luis Borges e John Lennon.

 

 

Thorstein Veblen

Thorstein Bunde Veblen (Cato, 30 luglio 1857 – Menlo Park, 3 agosto 1929) è stato un economista e sociologo statunitense, uno dei principali esponenti dell’istituzionalismo economico.

 

Georg Simmel

Georg Simmel (Berlino, 1º marzo 1858 – Strasburgo, 28 settembre 1918) è stato un filosofo e sociologo tedesco. Ha analizzato gli eventi storici e sociali sia per come vengono originati dalla vita delle persone, sia per come le figure sociali vengano costruite dall’interazione tra individui. Oggi è considerato uno dei padri “fondatori” della sociologia con Emile Durkheim e Max Weber nonostante non abbia fondato una “scuola”, né molti si siano dichiarati simmeliani. Il suo pensiero è stato utilizzato da molti e in modi diversi anche per la vastità della sua opera e attraverso la mediazione di Robert Park divenne un autore di riferimento per la Scuola di Chicago e la sua sociologia venne accostata alla psicologia sociale di George Herbert Mead.

 

Douglas Hofstadter

Douglas Richard Hofstadter (New York, 15 febbraio 1945) è un accademico, filosofo e divulgatore scientifico statunitense. La sua più nota operaGödel, Escher, Bach: un’eterna ghirlanda brillante (pubblicata nel 1979 e vincitrice nel 1980 del Premio Pulitzer per la saggistica e del National Book Award) ha spinto numerosi studenti a dedicarsi all’intelligenza artificiale e allo studio della logica nell’ambito della comprensione del cervello umano, in particolare nell’ambito della separabilità delle funzioni simboliche superiori rispetto al loro sostrato fisico.

Quest’opera, che ha reso Hofstadter un “guru” della divulgazione scientifica, contiene inoltre notevoli risvolti filosofici, apprezzati a livello mondiale.

Hofstadter, si laureò in matematica all’Università di Stanford e conseguì il Ph.D. in fisica nel 1975 presso l’Università dell’Oregon. Ha insegnato informatica all’Università dell’Indiana di Bloomington e al laboratorio di Intelligenza Artificiale del Massachusetts Institute of Technology (MIT).

 

Aron Pilhofer

Aron è l’executive editor per i canali digital a The Guardian e cofondatore di DocumentCloud.org una startup non-profit che aiuta i giornalisti ad organizzare i contenuti delle indagini utilizzando (un po’ come WordLift) l’analisi semantica e i dati strutturati. Aron è inoltre cofondatore di Hacks and Hackers, un’organizzazione pensata per mettere insieme tecnologia e giornalismo.

Il blog di Aron è http://aronpilhofer.com

 

 

Fëdor Dostoevskij

È considerato uno dei più grandi romanzieri e pensatori russi dell’Ottocento e in generale di ogni tempo. In Italia, fino agli anni quaranta, era conosciuto con il nome Teodoro Dostojevski, secondo la consuetudine di italianizzare il nome degli autori stranieri. A lui è intitolato il cratere Dostoevskij sulla superficie di Mercurio.