Dati aperti

I dati aperti, comunemente chiamati con il termine inglese open data anche nel contesto italiano, sono alcune tipologie di dati liberamente accessibili a tutti, privi di brevetti o altre forme di controllo che ne limitino la riproduzione e le cui restrizioni di copyright eventualmente si limitano ad obbligare di citare la fonte o al rilascio delle modifiche allo stesso modo.

Parliamo spesso di open data in questo blog perché grazie a loro sono organizzati i contenuti del sito. Il collegamento tra i contenuti testuali e i cataloghi open data come DBpedia avviene grazie all’editor WordLift.